DUO D'ANCE LIBERE

 

 

duolocandina

 

 

Nome: DUO D'ANCE LIBERE

 

Titolo Spettacolo: LA FISARMONICA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

Note: La fisarmonica è uno strumento particolarmente "giovane", nata il 6 maggio del 1829 quando Cyrill Demian depositò a Vienna il brevetto dello strumento denominato accordion. Secondo la leggenda sarà ancora un austriaco - in pellegrinaggio a Loreto - a farla conoscere in Italia, nel 1863, e a dare l’impulso a Paolo Soprani ad iniziarne la costruzione a Castelfidardo.

Più o meno contemporanea del sassofono, ha avuto un percorso più difficile nel riuscire ad imporsi e ad essere accettata dai musicisti al di là della visione  da "ballo campestre" a cui per molto tempo è stata associata. Per molti dire "suono la fisarmonica" significava suscitare, nel migliore dei casi, risatine di scherno da parte degli amici musicisti.

Col passare del tempo l'attenzione del pubblico verso questo strumento, la realizzazione di strumenti acusticamente perfetti, l'ingresso della fisarmonica nei conservatori, hanno portato lo strumento a conquistarsi uno spazio personalizzato e sempre più autonomo. La ricerca delle radici di diverse espressioni culturali, il fondersi di linguaggi artistici diversi, la sua accettazione nel mondo del jazz sono stati gli elementi fondamentali per raggiungere l'importante traguardo.

Come per tutti gli strumenti, non è certo la struttura tecnica o l'esistenza di una letteratura musicale più o meno importante a farne piacere il suono ma la sensibilità dello strumentista che dà  la propria impronta alla musica senza fare ricorso a elementi imitativi di altri strumenti. Questa sensibilità appartiene senza dubbio al “Duo d’ance libere” che, con due fisarmoniche realizzate con fini legni acustici da uno dei più importanti artigiani di Castelfidardo, propone un viaggio nel tempo e nei luoghi in cui maggiormente si è espressa la fisarmonica, dai primi decenni del '900 con la nascita del Bal musette e del "liscio" al tango argentino; dalle proposte swing di Gorni Kramer ad alcuni temi resi famosi dal cinema. E ancora con proposte di improvvisazione jazzistica su brani contemporanei e di musica classica.

Oltre alle fisarmoniche il duo utilizza anche  due  strumenti affini, il vibrandoneon e l'organetto .

 

Beppe Turletti

Fisarmonica e organetto

Bati Bertolio

Fisarmonica e vibrandoneon

 

dalla musica popolare alla musette francese, dalla musica argentina al jazz

un concerto che racconta la storia della fisarmonica,

la sua evoluzione, la sua anima e le sue sonorità.